Emergenza Mosul: il nostro lavoro a Zelikan

16 novembre 2016, 13:31

Nel campo di Zelikan, costruito per accogliere le famiglie in fuga da Mosul, è iniziato il nostro lavoro a fianco dei bambini.

 

In seguito all’emergenza causata dalla battaglia per la liberazione di Mosul, in Iraq, sono già numerosi i campi costruiti per accogliere le famiglie sfollate interne in fuga dall’area.

Tra questi anche quello di Zelikan, nei pressi di Dohuk, dove lavoriamo ormai da anni e dove si trova una delle nostre tre sedi operative nel Kurdistan iracheno.

Ad oggi, nel campo sono arrivate quasi 500 famiglie sfollate, pari a 2.500 persone, di cui 1.850 minori.

Come parte del programma di intervento “Darna” (La nostra casa), pensato per dare il nostro contributo in questa emergenza umanitaria, abbiamo previsto l’estensione di alcuni progetti attivati nel 2014 e andati avanti sino ad oggi.

Tra questi il nostro “Ahlein!” (Benvenuto), sostenuto da Unicef per fornire sostegno psico-sociale ai bambini sfollati iracheni. Il lavoro dei nostri operatori sociali, già attivi negli altri campi nell’area di Dohuk, si è quindi esteso anche a Zelikan, nel tentativo di sostenere le categorie che più risentono l’effetto di conflitti e sfollamento: i bambini.

Due volte a settimana operatori e psicologi si recano nel campo, dove attraverso test e domande riescono ad identificare che tipo di intervento sia necessario per alleviare il trauma dei bambini.

Un lavoro importante alla luce dei dati resi noti da ACF International, che a Zelikan ha svolto un sondaggio: iper l’88% delle persone sfollate c’è bisogno di un intervento di sostegno psico-sociale, e soprattutto rivolto ai bambini, la categoria sulla quale è concentrata la maggiore preoccupazione delle famiglie.

A Zelikan stanno arrivando soprattutto quelle provenienti da Bashiqa, la stessa città da cui sono dovuti fuggire nell’estate 2014 tanti nostri amici ed operatori ezidi quando Daesh conquistò Mosul e le aree circostanti, dove avevamo lavorato con le comunità di minoranza per anni.

 

 

Sostieni il nostro impegno. Dona ora >>