Kurdistan iracheno: corsi di formazione per rifugiati

11 April 2019, 13:05

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

L’Ong “Un Ponte Per..” e l’Agenzia italiana per la cooperazione e lo sviluppo fornirà corsi di formazione personale e avviamento al lavoro per i rifugiati/e della regione di Sulaymaniyah, nel Kurdistan iracheno.

Nasce ‘Darfat‘ (in curdo ‘opportunità’). È il nuovo progetto finanziato dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics) e dalla Ong italiana “Un Ponte Per…” (UPP) che, per i prossimi 10 mesi, organizzerà percorsi di formazione nella regione irachena di Sulaymaniyah. Il progetto è rivolto principalmente a rifugiati/e siriani/e, sfollati/e, disoccupati/e iracheni/e e donne vittime di violenza ospitati, in gran parte, nel campo per rifugiati di Barika. L’obiettivo è contribuire alla creazione di opportunità lavorative dignitose e sostenibili, per superare la precarietà imposta dalle difficili condizioni regionali.

Lavoro come forma di integrazione

Sui corsi di avviamento al lavoro si sofferma Ettore Acocella, coordinatore dall’Italia del progetto. Oltre a percorsi professionali tradizionali, tra cui imbianchini ed elettricisti, verranno attivati corsi sperimentali, come quelli per fonici. Il progetto si snoda in tre diverse aree: il campo profughi di Barika, dove sono ospitati circa 8 mila rifugiati siriani, il monastero Deir Maryam Aladhra e il centro di Sulaymaniyah che aiuta le donne vittime di violenze. Il lavoro, sottolinea Acocella, è “una forma di integrazione” ma anche di “conoscenza reciproca”, di “promozione del dialogo tra le diverse comunità”. Partecipare allo stesso corso, per persone che fanno parte di contesti molto diversi, è anche un modo per favorire la conoscenza personale.

La situazione nel Kurdistan

Acocella ricorda inoltre che la regione autonoma del Kurdistan iracheno “ha accolto sia i/le siriani/e che scappavano dal nord della Siria”, sia altre comunità irachene in fuga dalle altre zone del Paese. “Al momento lo Stato Islamico è stato sconfitto”, ma permangono difficoltà che, a volte, impediscono il rientro degli sfollati nelle loro case. “La guerra e altri fattori – conclude Acocella – hanno inciso molto sulla condizione economica di questa area dell’Iraq”.

di Matteo Petri, tratto da Vatican News del 10/4/2019

 

Ascolta l’intervista >>

Leggi il Comunicato Stampa >>