Iraq Without Water. Un viaggio sull’acqua da Mosul a Basra

22 March 2020, 12:42

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Iww_sito

“L’acqua è vita.
Se puoi salvare l’acqua
Puoi salvare la vita”

 

Il 22 marzo è la Giornata Mondiale dell’acqua. Noi di Un Ponte Per abbiamo scelto di dedicare questa ricorrenza all’Iraq, e allo straordinario lavoro che da anni una giovane generazione di attiviste e attivisti sta facendo nel paese per salvaguardare l’immenso patrimonio ambientale rappresentato dai fiumi Tigri ed Eufrate, dalle antichissime Paludi Mesopotamiche, culla della civiltà mondiale.

L’Iraq è sempre stato considerato “il paese dei fiumi”. Oggi, però, questo patrimonio storico, ambientale e idrico è messo a rischio.

Cambiamenti climatici, cattiva gestione politica, siccità, la costruzione delle Dighe a monte in Iran e in Turchia, lo sfruttamento e l’inquinamento delle grandi compagnie petrolifere: questo, e molto altro, stanno mettendo a dura prova la tenuta ambientale del paese, con il rischio concreto di conflitti futuri.

Un gruppo di giovani attiviste e attivisti iracheni stanno tentando di sensibilizzare l’opinione pubblica, e il mondo, su questa crisi, che sta provocando impatti negativi sulla vita e sulla salute delle persone in Iraq. Ma non solo: gli effetti dei cambiamenti climatici in quella zona del mondo, infatti, riguardano tutte e tutti.

Attraverso le voci di queste ragazze e ragazzi, impegnate/i nella campagna “Save the Tigris” che noi di Un Ponte Per sosteniamo sin dalla sua nascita; e grazie alla professionalità di due giornaliste freelance – Sara Manisera e Arianna Pagani – abbiamo raccontato questo pezzo di mondo e questo lavoro fondamentale della società civile con un webdoc multimediale, che seguendo il corso del fiume Tigri in Iraq, da Mosul a Basra, ci accompagna in un “viaggio sull’acqua” alla scoperta delle bellezze, dei problemi e delle quotidiane resistenze di chi da quel fiume è attraversato.

E’ “Iraq without water“, il webdoc realizzato con il sostegno dell’Unione Europea e della Regione Piemonte attraverso il Consorzio delle Ong Piemontesi, nell’ambito di “Frame Voice Report!”, da oggi disponibile online a questo link: https://iraqwithoutwater.org/.

 

 

Un viaggio che inizia a Mosul, città situata sulla riva occidentale del fiume Tigri, occupata per 3 lunghi anni da Daesh e ancora oggi in gran parte distrutta; e termina a Basra, la città situata sullo Shaṭṭ Al-ʿArab, il corso d’acqua formato dall’unione dei fiumi Tigri ed Eufrate, un tempo conosciuta come “la Venezia del Medio Oriente”. Attraversando poi Sulaymaniyah, Baghdad, e le straordinarie Paludi Mesopotamiche, una delle più vaste aree umide al mondo, abitata dagli “arabi dei fiumi” e Patrimonio dell’umanità, oggi profondamente colpita da siccità e inquinamento.

Ma è un viaggio anche dentro i sogni e le speranze di un gruppo di giovani che hanno scelto di dedicare la propria vita a battersi per il diritto all’acqua: il loro, come parte del popolo iracheno; ma anche quello di tutte e tutti perché, come ricordano: “L’acqua è vita. Se riusciamo a salvare l’acqua, salveremo anche la vita”.

 

Aiutaci a salvare il fiume Tigri e le Paludi Mesopotamiche. Dona ora >>