Ahlan! (Benvenuti) | Un ponte per...

Ahlan! (Benvenuti)

21 July 2013, 15:36

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

A due anni dall’inizio della crisi siriana, l’ONU stima ci siano più di mezzo milione di rifugiati siriani in Giordania, almeno 600.000 secondo i numeri diffusi dal governo di Amman, ovvero più del 10% della popolazione del Regno Hashemita, le cui strutture sociali ed assistenziale sono ormai al collasso e non riescono a rispondere alle troppe esigenze di coloro che valicano il confine in cerca di aiuto.

 

L’assenza di una qualsiasi prospettiva immediata di pace peggiora ulteriormente la situazione lasciando i più deboli, come i bambini, in un grave stato di pericolo, stress e insicurezza.

 

La maggior parte dei siriani in Giordania vive fuori del campo, dove si è concentrato l’intervento di Un ponte per… sin dall’inizio dal 2011.

 

Con UNICEF, attraverso i 16 centri sociali gestiti dal nostro partner locale e diffusi in tutti i 7 governatorati della Giordania – Irbid,Mafraq, Amman, Ajloun, Balqa, Madaba e Zarqa -, il nuovo progetto risponderà alle necessità sempre più pressante di proteggere i più vulnerabili, portando assistenza a 12.600 bambini.

 

Attualmente i minori rappresentano infatti oltre la metà della popolazione costretta alla fuga a causa del conflitto e il 54% di coloro che hanno trovato ospitalità nei paesi confinanti.

 

Di qui l’urgenza di accoglierli in spazi sicuri, dove poter garantire assistenza psicologica, sociale e la possibilità di giocare e fare attività sportive e ricreative.

 

Nei prossimi otto mesi, personale specializzato s’impegnerà inoltre a fornire servizi di orientamento e  sensibilizzazione su temi di particolare rilevanza come il matrimonio precoce, il lavoro minorile, l’importanza della scolarizzazione per i bambini e la violenza di genere.

 

Inoltre, proprio in funzione di prevenire, identificare e riferire i casi di abusi o maltrattamenti sui bambini, verranno formati dei comitati ad hoc costituiti da membri della comunità siriana e di quelle ospitanti (giordani, palestinesi e iracheni).