In difesa di…

13 April 2016, 12:48

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

La categoria degli Human Rights Defenders (“difensori dei diritti umani” – HRDs) include un spettro molto ampio di attivisti, blogger, giornalisti, avvocati e sindacalisti che in ogni parte del mondo si battono per la difesa dei diritti umani.

Una categoria di persone a rischio, che subiscono spesso persecuzioni e minacce nei paesi in cui operano, e che necessitano protezione.

Hanno necessità diverse rispetto a chi, ad esempio, fugge dai propri paesi in guerra in cerca di rifugio: per queste persone è fondamentale continuare a portare avanti il proprio attivismo politico, ma è necessario farlo in luogo protetto e sicuro.

L’Onu ha adottato una Dichiarazione per la protezione di questi attivisti, e l’Unione Europea delle linee guida: alcuni paesi, tra cui l’Irlanda e i Paesi Bassi, hanno lanciato specifiche iniziative per offrire rifugio e protezione agli Human Rights Defenders.

In Italia non esiste alcuna normativa specifica che ne agevoli la protezione. Per questo nel 2016 insieme ad una coalizione di altre organizzazioni – tra cui Amnesty International, Cospe, Antigone, Non c’è pace senza giustizia, Greenpeace e Radicali – abbiamo lanciato una campagna che intende far pressione affinché il Ministero degli Esteri riconosca gli strumenti internazionali esistenti e si attivi per avviare meccanismi di protezione.

Difendere gli HRDs l’obiettivo, attraverso campagne di sensibilizzazione, azioni di advocacy presso le istituzioni italiane ed europee, e la costruzione di una rete di protezione in grado di agevolarli in caso di fuga dai loro paesi.
Scarica il dossier “In difesa di: come proteggere i difensori dei diritti umani”.