In difesa di…

13 aprile 2016, 12:48

La categoria degli Human Rights Defenders (“difensori dei diritti umani” – HRDs) include un spettro molto ampio di attivisti, blogger, giornalisti, avvocati e sindacalisti che in ogni parte del mondo si battono per la difesa dei diritti umani.

Una categoria di persone a rischio, che subiscono spesso persecuzioni e minacce nei paesi in cui operano, e che necessitano protezione.

Hanno necessità diverse rispetto a chi, ad esempio, fugge dai propri paesi in guerra in cerca di rifugio: per queste persone è fondamentale continuare a portare avanti il proprio attivismo politico, ma è necessario farlo in luogo protetto e sicuro.

L’Onu ha adottato una Dichiarazione per la protezione di questi attivisti, e l’Unione Europea delle linee guida: alcuni paesi, tra cui l’Irlanda e i Paesi Bassi, hanno lanciato specifiche iniziative per offrire rifugio e protezione agli Human Rights Defenders.

In Italia non esiste alcuna normativa specifica che ne agevoli la protezione. Per questo nel 2016 insieme ad una coalizione di altre organizzazioni – tra cui Amnesty International, Cospe, Antigone, Non c’è pace senza giustizia, Greenpeace e Radicali – abbiamo lanciato una campagna che intende far pressione affinché il Ministero degli Esteri riconosca gli strumenti internazionali esistenti e si attivi per avviare meccanismi di protezione.

Difendere gli HRDs l’obiettivo, attraverso campagne di sensibilizzazione, azioni di advocacy presso le istituzioni italiane ed europee, e la costruzione di una rete di protezione in grado di agevolarli in caso di fuga dai loro paesi.

 
Scarica il dossier “In difesa di: come proteggere i difensori dei diritti umani”.