Iraq. 14 anni di missioni italiane

3 giugno 2017, 10:40

Cosa si poteva fare con i 2,6 miliardi di euro consumati in questi 14 anni per le missioni militari italiane di occupazione dell’Iraq? Perché nessuno parla del fatto che l’Italia – dopo il ritiro delle sue truppe da parte del governo Prodi nel 2006 – è nuovamente presente in Iraq con 1.500 militari?

Quali sono le radici e gli interessi inconfessabili che stanno alla base di questo conflitto? Siamo più sicuri o più insicuri dopo decenni di missioni militari nel Golfo Persico?

A tutte queste domande abbiamo cercato di dare risposte in un rapporto realizzato in collaborazione con Milex e i nostri colleghi dell’Iraqi Social Forum, appena pubblicato. 

Un dossier che riflette su 14 anni di impegno militare italiano in Iraq, con una spesa complessiva altissima numerosi aspetti problematici dal punto di vista politico, operativo e umanitario.

Per capire quali potevano essere le alternative e suggerire altri tipi di interventi ascoltando la voce di una società civile attiva, che resiste e propone.

 

Scarica il rapporto: “Iraq. Quattordici anni di missioni italiane”

 

IRAQ-copertina-corretta