Non è troppo tardi per salvare Hasankeyf!

5 giugno 2019, 16:40

L’appello delle associazioni in Iraq, Siria, Turchia, Iran, Stati Uniti, Europa, America Latina, per fermare il progetto della Diga di Ilisu, salvando la Valle del Tigri, Hasankeyf e le Paludi Mesopotamiche. Il 7 e 8 giugno le Giornate di Azione Globale.

 Nel maggio del 2019 oltre 100 organizzazioni della società civile, provenienti da Turchia, Iraq, Iran, Siria e altri paesi del mondo, hanno lanciato un appello al Governo turco per fermare il progetto di costruzione della Diga di Ilisu sul fiume Tigri, che causerebbe immensi danni all’ambiente, all’ecosistema e al patrimonio culturale rappresentato dalla Valle del Tigri e dalla Mesopotamia.

Attiviste e attivisti chiedono che sia avviato un nuovo processo, partecipativo e inclusivo delle comunità locali che abitano quest’area millenaria, e perché l’immenso patrimonio che rappresenta sia preservato.

Hanno inoltre invitato la comunità internazionale a mobilitarsi e prendere parte il 7 e 8 giugno 2019 alle Giornate di Azione Globale per la difesa dell’antica città di Hasankeyf: il bacino della Diga di Ilisu infatti sarà riempito a partire dal 10 giugno. Tra i/le firmatari/e, anche noi di Un Ponte Per… e le/gli attiviste/i della Campagna “Save the Tigris”, che sosteniamo da anni.

***

Non è troppo tardi per salvare Hasankeyf!

Per 12.000 anni la città di Hasankeyf, nel sud della Turchia, è stata un luogo di insediamento urbano. Culla di molteplici culture e civiltà, questo eccezionale luogo è stato creato sulle rive del fiume Tigri, tra le colline e le vallate adiacenti, e rappresenta un patrimonio universale. Recenti scavi archeologici hanno dimostrato che Hasankeyf rappresenta solo l’apice di un patrimonio culturale molto più profondo, e ancora da scoprire.

Numerosi studi indipendenti hanno rivelato che Hasankeyf  e la Valle del Tigri sono storicamente rilevanti tanto quanto Efeso, Troia, la Cappadocia e siti simili, e soddisfano 9 dei 10 criteri richiesti dall’UNESCO per entrare a far parte dei siti Patrimonio dell’Umanità. Gli studi hanno inoltre rivelato che Hasankeyf è un sito gemello di Göbeklitepe, santuario che si trova 225 chilometri più a ovest e risalente alla stessa epoca, scoperta che condurrebbe a nuove conclusioni sulla storia dei primi insediamenti umani della storia.

Mentre però il Governo turco è riuscito a far includere Göbeklitepe nella lista dei siti UNESCO Patrimonio dell’Umanità, Hasankeyf e la Valle del Tigri sono destinati ad essere sommersi d’acqua a causa della costruzione della Diga di Ilisu e dell’Hydroelectric Power Plant Project, quasi completamente realizzato.

Recentemente il governo turco ha annunciato che avvierà il riempimento del bacino di Ilisu il 10 giugno 2019. Fonti ufficiali hanno aggiunto inoltre che nell’ottobre 2019 la città di Hasankeyf sarà colpita dall’innalzamento del livello dell’acqua.

Il progetto di Ilisu era e resta un investimento distruttivo e completamente sbagliato. Ecco perché sin dall’inizio il progetto è stato fortemente contestato non solo a livello locale in Turchia, ma anche in Iraq, in Siria e nel mondo. Al contrario di quanto si afferma ufficialmente, la Diga di Ilisu non porterà benefici socio-economici di alcun tipo per la maggior parte della popolazione regionale, e oltre 80.000 persone dovranno rinunciare alla loro principale fonte di sostentamento.

Oltre ad Hasankeyf, una porzione importante del patrimonio culturale dell’Alta Mesopotamia situato lungo il fiume Tigri sarà allagato. La biodiversità dell’ecosistema locale – ancora in gran parte naturale – sarà gravemente compromessa. Il progetto di Ilisu impatterà anche sul tratto a valle del Tigri, frammentando le riserve d’acqua delle principali città irachene, e mettendo fortemente a rischio la sostenibilità dell’agricoltura. In particolare le Paludi Mesopotamiche, patrimonio UNESCO nel sud dell’Iraq, saranno minacciate dalla siccità causata dalla diminuzione dei flussi acquiferi.

Il programma governativo turco recentemente avviato – chiamato “riallocazione e consolidamento” – ha seriamente danneggiato il patrimonio culturale di Hasankeyf. Ma molto di questo patrimonio è ancora intatto, e può essere salvato.

Nonostante il progetto di Ilisu sia in fase avanzata, crediamo fortemente che la sua interruzione stimolerebbe un processo di cui la popolazione locale irachena e turca beneficerebbero in modo diretto, a livello economico, sociale e culturale.

Facciamo dunque appello al Governo turco perché non avvii il riempimento del bacino di Ilisu, né a giugno né più tardi. Piuttosto, sarebbe da avviare un nuovo processo di discussione, aperto alla cittadinanza, partecipativo e trasparente, con tutti/e i/le rappresentanti delle comunità locali delle 5 province interessate dal progetto.

Le politiche future sulla Valle del Tigri e sulla regione dovrebbero essere basate sui risultati di questo dibattito, sviluppate e implementate con l’accordo di tutte le parti interessate. Un’altra condizione imprescindibile dovrebbe essere il raggiungimento di un mutuo accordo con l’Iraq e con la Siria, basato sulla legalità internazionale, che possa garantire un sufficiente afflusso d’acqua alle Paludi Mesopotamiche e a tutto il sud dell’Iraq.

Facciamo appello agli individui e alle organizzazioni nel mondo perché supportino le nostre richieste, e lancino appelli analoghi verso il governo turco.

Organizzazioni firmatarie:

Initiative to Keep Hasankeyf Alive, Turchia

Save the Tigris Campaign, Iraq

Mountain Watch, Iran

Humat Dijlah, Iraq

Make Rojava Green Again, Rojava/Siria

Mesopotamia Ecology Movement, Turchia

Waterkeeper Iraq, Kurdistan Iracheno

Hasankeyf Matters, Turchia

Iraqi Civil Society Solidarity Initiative (ICSSI), Iraq

Ecology Union, Turchia

Munzur Environmental Association, Turchia

Iraqi Social Forum, Iraq

Green Rage Ecology Collective, Turchia

Güzel Zağros’u Destekleme Halk Kampanyası, Iran

TMMOB (Union of Chambers of Engineers and Architects) Batman Provincial Coordination Council, Turchia

Civil Development Organization (CDO), Kurdistan Iracheno

Campaign Right to Water, Turchia

350Ankara, Turchia

Çoruh Conservation Union, Turchia

Life and Solidarity Travelers, Turchia

Green Resistence – Ecology and Life Newspaper, Turchia

Antalya Ecology Council, Turchia

Alakır Sister-/Brotherhood, Turchia

HDK Ecology Council, Turchia

Lebanon Eco Movement, Libano

Eco-Conscience, Tunisia

The Peoples’ Advocacy Foundation for Justice and Redress, Sud Africa

Rivers without Boundaries International Coalition), Asia

Pakistan Fisherfolk Forum, Pakistan

Environment Support Group, India

Inter-American Vigilance for the Defense and the Right to Water (Red VIDA), The Americas Chile Sustainable, Chile April Foundation (Fundacion Abril), Bolivia

Movement of Defence of Water, Land and Environment (MODATIMA), Cile

Movement of Dam Affected People (MAB), Brasile

Friends of Earth, El Salvador

European Water Movement

Earth Thrive, Balcani

Odbranimo reke Stare planine, Serbia

Ekologistak Martxan, Paesi Baschi

Network for a New Water Culture (XNCA), Catalogna

Ecologists in Action, Spagna

World Heritage Watch (WHW), Germania

Platform in Defence of the Ebro River, Catalogna

UPP – Un Ponte Per, Italia

CounterCurrent, Germania

The Corner House, Inghilterra

Friends of Earth, Francia

Italian Forum of Water Movements, Italia

Riverwatch – Society for the Protection of Rivers, Austria

Animals Are Sentient Beings, Stati Uniti

Coordination EAU Île-de-France, Francia

Plan C, Inghilterra

Shoal Collective, Inghilterra

Hasankeyf Initiative Berlin, Germania

Institute for Agriculture and Trade Policy, Stati Uniti

Coordination EAU bien commun, Francia

Urgewald, Germania

Idle No More SF Bay, California/Stati Uniti

EcoMujer, Germania

Solidarity Economy Association, Inghilterra
FreshWater Accountability Project, Stati Uniti

Plataforma Ciudadana Zaragoza sin Fractura, Spagna

Association of Popular Culture Alborada, Gallura/Spagna

International Rivers, Stati Uniti

Solifonds, Svizzera

Centre for Research on Multinational Corporations (SOMO), Norvegia

Ecological Center DRONT, Russia

Ecosocialist Horizons, Stati Uniti

Socio-Ecological Union International, Russia

Biodiversity Conservation Center, Russia

Earth Law Centre, Stati Uniti

Green Anti-Capitalist Front, Inghilterra

Cambridge Social Ecology Group, Inghilterra