Nassiriya. UPP a La Russa: “Bestemmia è la guerra, non Padre Zanotelli”

12 novembre 2019, 16:23

Nota stampa


IRAQ, NASSIRIYA. UN PONTE PER A LA RUSSA: “BESTEMMIA E’ LA GUERRA, NON PADRE ZANOTELLI”

Roma, 12 novembre 2019 – “L’unica bestemmia è la guerra. Le famose armi di sterminio di massa agitate da Colin Powel al Consiglio di sicurezza dell’Onu si sono dimostrate una colossale menzogna. Tony Bair, uno dei principali responsabili della guerra d’invasione all’Iraq ha almeno chiesto scusa di questo. Non abbiamo ancora sentito le scuse di La Russa nonostante le conseguenze di quella scellerata scelta siano sotto gli occhi di tutticentinaia di migliaia di morti, di orfani, di vedove, di mutilatiLa Russa dovrebbe preoccuparsi di questo e non di padre Alex Zanotelli al quale va la nostra solidarietà”.

Così la Ong italiana Un Ponte Per, da oltre 30 anni impegnata in Iraq, in merito alle dichiarazioni dell’ex Ministro della Difesa Ignazio La Russa contro padre Alex Zanotelli.

In un comunicato stampa l’11 novembre 2019Un Ponte Per aveva espresso vicinanza ai solidati italiani feriti in Iraq, ribadendo la propria contrarietà alla presenza militare italiana nel paese. “Riteniamo che anche i soldati siano vittime della lunga guerra che da decenni insanguina il paese. Le nostre critiche rispetto alle missioni militari in Iraq come altrove non sono mai state rivolte a loro, ma al potere politico che ha la responsabilità di averli rinviati in Iraq dopo il ritiro del contingente italiano nel 2006”, aveva scritto l’Ong.